Jump to Navigation
Breve descrizione: 
Obiettivo della riforma è la semplificazione delle norme in materia di procedimenti in materia ambientale e, in particolare, delle disposizioni concernenti la valutazione di impatto ambientale (“VIA”). Sono previste delle misure urgenti tese a sottoporre le opere previste dal PNRR ad una speciale VIA statale che assicuri una velocizzazione dei tempi di conclusione del procedimento, demandando a un’apposita Commissione lo svolgimento delle valutazioni in questione attraverso modalità accelerate (come già previsto per il Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima PNIEC 2030) ed ampliando l’operatività del Provvedimento Unico in materia Ambientale (“PUA”). Tra le misure a regime è prevista l’attribuzione delle competenze in materia di energia in capo al Ministero della transizione ecologica (“MITE”) che dovrà condurre a una più netta integrazione tra i molti strumenti, già esistenti, di programmazione e pianificazione in materia ambientale e gli strumenti generali operanti nel settore energetico (a partire dal PNIEC).
Traguardo/Obiettivo: 
Traguardo
Denominazione del traguardo/obiettivo: 
Entrata in vigore della legislazione primaria sulla semplificazione e razionalizzazione delle normative in materia ambientale
Tempistica attuativa prevista: 
"Le misure urgenti sono adottate con decreto-legge da approvare entro maggio 2021. Per le misure a regime presentazione prevista al Parlamento della legge delega entro dicembre 2021. I decreti legislativi saranno adottati nei sei mesi successivi all’approvazione della legge delega. "
Stato Provvedimento: 
Data: 
Novembre, 2021
Stato dell'arte effettivo: 
Le misure urgenti di semplificazione sono state adottate con DL 77/2021 (c.d. semplificazioni 2) entrato in vigore nel mese di giugno 2021.
Sintesi Grafica: 
Data: 
Febbraio, 2022
Stato dell'arte effettivo: 
Al netto delle misure semplificatorie urgenti già approvate con DL 77/2021, come evidenziato anche nel sito Italia Domani non risulta presentato il disegno di legge delega per le misure a regime che avrebbe dovuto essere trasmesso in Parlamento entro il 31 dicembre 2021 con i conseguenti decreti legislativi che dovrebbero essere adottati entro sei mesi dall’entrata in vigore della legge delega.
Sintesi Grafica: 
Data: 
Maggio, 2022
Stato dell'arte effettivo: 
Come rilevato nel corso del secondo monitoraggio e sulla base delle informazioni reperibili sul sito Italia Domani e dalle schede di monitoraggio delle Camere, non risulta presentato il disegno di legge delega per le misure a regime che avrebbe dovuto essere trasmesso in Parlamento entro il 31 dicembre 2021 con i conseguenti decreti legislativi che dovrebbero essere adottati entro sei mesi dall’entrata in vigore della legge delega.
Sintesi Grafica: